Chi siamo

Brevi cenni storici del Museo
 
Il Museo di Mineralogia della Sapienza Università di Roma fu fondato il 13 novembre 1804 dal Papa Pio VII con il breve "Uberes dum menti nostrae" e inaugurato nel 1806 nella sua prima prestigiosa sede: il palazzo della Sapienza allora sede universitaria e oggi ospitante gli Archivi di Stato.
Primo direttore ne fu il padre Carlo Giuseppe Gismondi (1762-1824), mineralista insigne, come dimostra l'onore resogli da von Leonhard nel dedicargli una nuova specie mineralogica, la zeolite denominata gismondite. Gismondi curò l'acquisizione della raccolta del mineralista veronese Camillo Chierici, che costituì la base della raccolta, e stese il primo catalogo sistematico e ragionato della collezione.

Suo successore fu Pietro Carpi (1792-1861), che ebbe il grande merito di acquisire, per donazione del Papa Pio IX, la sorprendente collezione privata dell'allora prefetto pontificio monsignor Lavinio de' Medici Spada (1801-1863). Spada fu un egregio ricercatore, sempre in contatto con i maggiori mineralisti del tempo, tanto che von Kobell gli dedicò la spadaite e lui stesso scoprì la parisite (proveniente dai giacimenti di Muzo in Colombia). Ancora oggi i 12.000 campioni di quella collezione costituiscono il nucleo principale del Museo. 
 
Il vero "padre del Museo" fu il mineralista Giovanni Strüver (1842-1915), lo scopritore della sellaite e della gastaldite e al quale Ferruccio Zambonini, suo insigne allievo, dedicò la struverite. Strüver, durante la sua permanenza nel Museo, riuscì ad acquisire altri 10.000 esemplari, frutto delle campagne di raccolta nel Lazio, nell'isola d'Elba e nelle Alpi Piemontesi, nonché di cambi e oculati acquisti. Alla sua morte nelle collezioni del Museo erano presenti ben 896 specie delle 900 allora note oltre a quasi tutte le meteoriti italiane. 
 
Il 5 Novembre del 1824 Papa Leone XII inaugurò l'Anno Accademico dell'Università di Roma "La Sapienza", ne visitò i Musei e quello di Mineralogia in particolare. Durante il suo pontificato (1823-1829) donò la Dactyliotheca, una collezione di anelli e pietre dure unica al mondo. 
 
Nel 1935 Federico Millosevich (1875-1942), trasportò il Museo nella sua sede attuale: la nuova Università "la Sapienza" , opera dell'architetto razionalista Piacentini. 
 
Da allora tutti i direttori che si sono avvicendati (Ettore Onorato, Carlo Lauro, Annibale Mottana, Giorgio Graziani, Odino Grubessi, Francesco Burragato e Adriana Maras), unitamente ai conservatori ed al personale tecnico, hanno sempre continuato, oltre al lavoro di ampliamento delle collezioni, soprattutto per quando riguarda la mineralogia regionale e italiana, l'essenziale lavoro di ricerca sistematica. Tale indirizzo è comprovato dalle numerose pubblicazioni eseguite sui materiali delle collezioni antiche e recenti nonché la scoperta e la descrizione di numerose nuove specie mineralogiche: onoratoite, cesanite, sacrofanite, potassio-fluor-richterite, chiavennaite, medaite, tiragalloite, vigezzite, peprossiite-(Ce), vicanite-(Ce), che sono andate ad arricchire la già importante collezione dei tipi mineralogici. 
 
La collezione, composta attualmente da oltre 30.000 esemplari di minerali (per un totale di 2500 specie), meteoriti e gemme, è senza dubbio una delle più importanti d’Europa.